Il mio primo volo – laboratorio artistico espressivo

Ciao amici, come state? Spero tutti bene e che questi giorni stiano passando lievi e sereni.

Rimanere in casa so non essere facile, gli spazi sono limitati e spesso condivisi, soprattutto se non si ha a disposizione un giardino. Oggi quindi, vi propongo un laboratorio artistico espressivo che vi aiuterà a uscire. Si si, avete capito bene, uscire. No, non ancora fisicamente ma con la vostra immaginazione, quella meravigliosa capacità che ognuno di noi ha dentro di sè e che ci permette di viaggiare con la mente in posti lontani, avventura mozzafiato e panorami spettacolari. In particolare oggi, proveremo a spiccare il nostro primo volo. Siete pronti?

Ok, allora per prepararsi a questo meraviglioso viaggio, è necessario recuperare alcuni materiali e musiche. Inizierò con la lettura di un libro, seguirà un momento di rilassamento con musica leggera e suggestiva, infine lasceremo andare le nostre emozioni attraverso fogli e colori.

Materiali necessari: fogli di carta grandi (se avete solo quelli formato A4 basta attaccarne due o più insieme) colori a matita o pastelli a cera.

Musica: suggerisco Armand Amar – Inanna (Most Emotional Piano Drama)

Organizziamo uno spazio dove possiamo muoverci liberamente, ci sediamo per terra o su una sedia se preferite, comodi e rilassati. Vi leggerò alcune parti di un albo illustrato a me molto caro, che parla di sogni, rinascita e di libertà di volare.

La Valle dei Mulini” di Noelia Blanco e Valeria Docampo – Terre di Mezzo Ed.

Mettetevi comodi e se lo desiderate, chiudete gli occhi e lasciatevi andare all’immaginazione.

Prendetevi ora qualche momento, tutto il tempo che vi è necessario, per accogliere le immagini e le sensazioni che sono emerse dentro di voi, poi fate partire la musica. Io suggerisco il brano Armand Amar – Inanna (Most Emotional Piano Drama).

Ora mettiamoci a terra nella posizione yoga del bambino (Balasana) con la quale è possibile chiuderci in noi stessi, come in un bozzolo. Schiena e spalle rilassate, petto alle ginocchia, braccia lungo il corpo, testa appoggiata al pavimento e palmi delle mani rivolti verso l’alto (per i bambini: i genitori guideranno i propri bambini con voce lieve nel dare le indicazioni passo passo)

Rimaniamo qualche minuto in questa posizione, respiriamo e ascoltiamo il nostro respiro, sentiamo il nostro corpo, l’aria che entra si espande e raggiunge ogni singola piccola cellula.

Ci concentriamo sull’aria che entra e che esce. Ci facciamo avvolgere dalla musica che è intorno a noi, ne respiriamo la bellezza. Piano piano ci muoviamo con delicatezza, possiamo tenere gli occhi chiusi. Immaginiamo ora di essere un bellissimo uccello, quello che desideriamo, piano piano ci muoviamo, con piccoli gesti timidi, lentamente, sempre in ascolto del nostro respiro e della musica che è tutta intorno a noi. Lentamente ci alziamo, possiamo aprire le ali e lievemente volare e scoprire lo spazio che ci circonda. Voliamo liberi e leggeri, sentiamo l’aria e la musica intorno a noi. Se lo desideriamo rimaniamo con gli occhi chiusi e immaginiamo di volare sopra prati, montagne, corsi d’acqua, mare…tutto ciò che desideriamo.

Possiamo sentire il volo degli altri uccelli intorno a noi e danziamo nell’aria insieme a loro. Proseguiamo il nostro volo e rimaniamo qualche minuto in questo momento di leggerezza e libertà.

Poi piano piano immaginiamo di planare e ci fermiamo dove la nostra immaginazione ci porta. Restiamo fermi qualche momento e ascoltiamo il nostro sentire, facendoci avvolgere dalla musica e dalle emozioni provate. Piano piano apriamo gli occhi e se lo desideriamo condividiamo quello che abbiamo provato con gli altri.

Passiamo alla parte artistico-espressiva, ci facciamo aiutare dalla musica, suggerisco il brano Arrival of the Birds (Extended) .

Prendete i fogli e li attaccate sul muro (se non avete uno spazio libero potete lavorare a terra o sul tavolo in orizzontale). Se condividete questo momento con altri membri della vostra famiglia potete utilizzare un foglio grande grande per tutti (perfetto sarebbe un rotolo di carta).

Scegliete il colore che preferite e iniziate col fare un punto sul foglio. Sarà il vostro punto di partenza. Ora lasciate andare la mano, leggera, se lo desiderate tenete gli occhi chiusi e tracciate una linea a partire da quel punto. La linea prosegue sale, scende, curva, si muove sul foglio esplorandolo dove il vostro sentire la porta. Sentite la musica che vi avvolge e vi guida mentre tracciate il vostro meraviglioso primo volo.

Lasciate che la mano si muova in totale libertà e quando pensate sia il momento, fermatevi in un punto. Aprite gli occhi e osservate il vostro volo. Osservate la linea, da dove parte e dove arriva, se lo desiderate potete colorare gli spazi interni che si sono creati. Potrebbero rivelarsi delle figure. Prendetevi il tempo di osservarle e se lo desiderate condividetele con la vostra famiglia.

Un abbraccio a tutti, spero che questo laboratorio vi sia stato utile.

Se vi va, attendo le vostre foto e le vostre riflessioni per me molto utili. Potete scrivermi a questo indirizzo silviasasso22@gmail.com.

One thought on “Il mio primo volo – laboratorio artistico espressivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: